Blog

Dopo le donne, e al pari delle motociclette e le automobili, credo che le chitarre siano tra gli oggetti più “customizzati” (e amati) e se nel centro di Milano vi serve un’auto con le luci blu sotto la scocca o in Brianza un fuoristrada con...

Il 13 ottobre 2018 sarò presente al raduno annuale di "Blues Made in Italy" a Cerea (VR) dalle 10.00 alle 24.00, una giornata all'insegna del blues con concerti non stop dalla tarda mattinata fino a mezzanotte. un must per tutti i bluesman della penisola :) tutte le...

In bilico tra commercio e creatività.

Sin dall'inizio della mia attività non ho mai avuto l'intenzione di creare "modelli" o "linee" di chitarre, basati sul format tele, da riproporre e duplicare su richiesta; ho sempre pensato che fosse già una limitazione aver preso spunto da un modello di produzione industriale (la Telecaster) e non ho mai voluto "incasellare" ulteriormente i prodotti finiti. La scelta di questo modello però mi ha offerto la possibilità di variarne il progetto di base, già ampiamente modificato nel corso della sua storia (vedi tele custom, bigsby, thinline e così via) e modificarla in un'infinità di modi... creando moltissimi "alter ego" senza snaturarne il carattere di base.

La prima volta in cui ho sentito parlare degli strumenti di Paolo Barbanera è quando ho visto il mio chitarrista presentarsi in sala di registrazione con una Telecaster Blackbeard Falena: look spettacolare e suoni perfetti, che hanno attirato l’attenzione di tutti i presenti. Mentre la Blackbeard...

Chitarra "Welson"... Italiana, anni '60... Costruzione modesta, legni modesti, hardware modesto, pickup modesti (sosttituiti infatti con due TVJones) ma nel complesso ha un fascino assolutamente unico. Non è un caso che queste chitarre siano tornate alla ribalta. Hanno un'anima.
A cosa serve un'automobile? A portarvi al lavoro (purtroppo), in ferie, a casa ogni sera. E come dev'essere? Economica, affidabile e possibilmente ecologica. A cosa serve un orologio? A dirvi l'ora... esatta se possibile. E come dev'essere? Comodo, chiaro, preciso, leggero magari. A cosa serve una chitarra? A suonare. E come dev'essere? Lucida, cromata, appariscente, uguale a quella del vostro idolo.
Era il pezzo più brutto... nodoso, tarlato, crepato, fessurato... Una tavola sfigata. Nessuno la voleva. Dopo aver stazionato in segheria per una ventina d'anni.....in fondo a una catasta in un piazzale esposto alle intemperie, è rimasto per due anni fuori dalla porta del mio laboratorio;
L'utilizzo dell'azione del fuoco sugli strumenti musicali non è certo una novità. In parecchi, in maniera più o meno ortodossa, da Hendrix a Monterey in poi, hanno subito il sottile fascino della combustione, più o meno controllata, applicata su di una chitarra.        
Chissà perché alcune chitarre hanno un fascino particolare, qualcuna è un mito indiscusso e osannato da tutti, altre sono una chicca per pochi. La Fender Jazzmaster che mi è capitata per le mani fa parte di questa seconda categoria.
Una mattina di settembre si presenta un tipo nel mio laboratorio di liuteria di Merate, vicino a Lecco: barbuto, basso, camicia a scacchi e cappellino con visiera. Più che dalla Brianza sembra uscito da un'episodio di "twin peaks"...